Chi Siamo

L’agenzia di onoranze funebri Cipriani si differenzia perché fornisce un servizio altamente professionale a chi vuole affrontare una situazione spiacevole, come quella di un funerale, senza intoppi.

Detta così potrebbe suonare una frase vuota. Quanti ce ne sono di siti che dicono tutte le stesse cose, servizio professionale, qualità, eccetera eccetera?

La realtà è che in questo settore fornire un servizio professionale e accurato è davvero differenziante.

Il perché lo stai per scoprire nella storia che adesso voglio raccontarti, di come è nata la Cipriani Onoranze e perché nel corso degli anni abbiamo voluto differenziarci da tutte le altre agenzie funebri.

Perchè oggi c’è molta diffidenza nei confronti delle agenzie funebri?

Offrire un servizio di lusso in questo ambito è la risposta a una serie di cambiamenti che nel tempo sono avvenuti in questo settore.

Ma soprattutto è la risposta ad anni e anni di disservizi da parte degli addetti del settore, troppo spesso protagonisti di truffe ai danni delle famiglie, e in generale una serie di episodi di cui un’azienda non dovrebbe andare fiera.

Ad oggi l’immagine delle agenzie funebri è macchiata per colpa di questi episodi poco piacevoli.

La cosa è grave soprattutto considerato il settore in cui operiamo, perché l’azienda che la famiglia  sceglie per onorare il defunto dovrebbe interpretare un ruolo di alleato e di sostegno.

Purtroppo avviene spesso il contrario.

Ed è per questo che noi oggi, oltre a impegnarci quotidianamente per offrire il miglior servizio possibile, continuiamo a portare avanti la nostra missione di porci, nel limite delle nostre possibilità e per quanto possiamo fare, come un punto di riferimento per le famiglie che hanno bisogno di aiuto e conforto.

Ma come siamo arrivati a capire che quello che non funzionava nelle agenzie funebri era il servizio offerto alle famiglie? Ecco la nostra storia…

Come tutto è iniziato

Ha cominciato il mio bisnonno, agli inizi del Novecento, prima ancora della guerra.

All’epoca in questo settore si lavorava per il comune, nel senso che dovevi stipulare un contratto col comune e quindi diventavi un appaltatore.

E così fece mio nonno fino al ’68, anno in cui decise di non rinnovare l’appalto, che venne preso da un consorzio di aziende di Ferrara.

Così smise di lavorare per il comune iniziò a lavorare solo con i suoi clienti.

Come funzionava il lavoro in quegli anni?

Funzionava che il servizio funebre non esisteva nemmeno nella mente delle persone.

Inizialmente non c’era nemmeno l’autofunebre, introdotta qualche decennio dopo. La pratica veniva svolta ancora “alla buona”.

Il personale era composto da falegnami e uomini del paese riadattati, senza divise, né preparazione, né nulla. Fornivano la bara, la chiudevano e poi lasciavano fare il trasporto ai parenti.

 

 

Costi più alti, servizio inesistente

Verso gli anni ’80-’90 invece, iniziò l’epoca dei fasti sul prodotto offerto.

Cosa vuol dire?

Coloro che avevano percepito la possibilità di fare affari in questo mercato (la cosa suona molto squallida eppure andò proprio così, e ora capisci perché le agenzie funebri hanno un’immagine così negativa) iniziarono a offrire una serie di prodotti molto raffinati.

La cassa meno pregiata era quella in larice, le lapidi offerte erano molto belle e  le automobili di lusso.

Il problema era però sempre quello del servizio, che veniva svolto in maniera superficiale, con poca organizzazione e da pensionati del paese a cui veniva data una mancia.

I prodotti eccezionali cercavano di compensare perchè erano ottimi e pregiati, e questo permetteva di tenere prezzi molto alti ma di mantenere un servizio basso.

Ed è in questa fase che ci siamo inseriti noi, della famiglia Cipriani.

Ma che cosa era successo alla Cipriani Onoranze Funebri nel frattempo?

Nel ’91, il nome “Cipriani” dopo un lungo periodo buio ritornò in mano alla famiglia Cipriani.

Prima di allora alcune complicate vicende personali avevano fatto sì che prendessero in mano le redini dell’azienda delle persone esterne alla famiglia.

Prima degli anni ’90 quindi, per alcune controversie burocratiche, la Cipriani era in mano a degli usurpatori.

Questi avevano trascinato in basso il nome dell’agenzia adattandosi al modo di fare di quegli anni, offrendo un servizio praticamente inesistente e dei prodotti di altissima qualità, alzando tutti i prezzi.

Quando ho cominciato il mio lavoro qui mi sono reso conto subito che qualcosa non andava, infatti stava finendo il periodo in cui la gente spendeva delle cifre folli.

Dopo anni in cui le agenzie offrivano prodotti molto alti a fronte di un servizio inesistente (macchine belle ma tenute male, il personale composto da quattro signori a caso spesso senza divise, fiori presi dagli scarti dei fiorai ecc…), la gente ha iniziato a chiedere preventivi e giocare a ribasso.

Cercava probabilmente di spendere sempre di meno probabilmente per bilanciare le esperienze precedenti che avevano avuto.

 

 

E la soluzione pensata dalle agenzie quale fu?

Assurdamente, riabbassare la qualità dei prodotti. Ma lasciando il vero problema invariato.

In questa situazione di continua oscillazione di qualità dei prodotti mi ero reso conto che gli operatori perdevano di vista la cosa veramente importante, quella che avrebbe fatto la differenza una volta per tutte: il servizio.

Il problema era infatti proprio quello.

Sebbene il prodotto variasse, migliorando o peggiorando e di conseguenza dando la possibilità alle agenzie di offrire un prezzo più o meno basso…

Il servizio rimaneva sempre uguale. Sempre pessimo, sempre rurale, abbozzato, alla buona.

Non era quello di cui le famiglie avevano bisogno.

Questa situazione infatti causava alle persone sempre gli stessi disagi.

Quando una famiglia si ritrova purtroppo a dover affrontare un funerale, l’ultima cosa con cui vorrebbe andarsi a scontrare è l’incompetenza dei professionisti che dovrebbero aiutarla.

E invece la non professionalità del servizio di queste agenzie continuava a causare disagi.

Ma c’era anche un’altra cosa.

Non solo incompetenza e poca professionalità. Tante volte abbiamo assistito negli ultimi anni a casi di vera e propria truffa.

Casi in cui:

    • imprese venivano stranamente “consigliate” da parte di infermieri o personale sanitario nelle strutture sanitarie/di cura;
    • imprese che sostavano nelle vicinanze di camere mortuarie degli ospedali o delle case di cura, senza alcuna ragione;
    • carri funebri campeggiavano negli ospedali per farsi pubblicità;
    • pressioni per utilizzare obbligatoriamente una determinata impresa funebre in una determinata struttura;

 

  • agenzie che mettevano in conto spese non esistenti nella realtà;

 

E così via.

Certamente non erano tutte così.

C’era anche qualcuno che, al di là delle truffe (per le quali ci troviamo davanti a casi estremi), aveva iniziato a capire l’importanza di comunicare correttamente, lavorare onestamente e presentare bene il servizio.

Ma poi nella pratica non era quello che offrivano.

Perché?

Perché avrebbero dovuto investire soldi per formare il personale, per comprare nuove divise, per curare le auto funebri… insomma, uno spreco di tempo e soldi inutile.

Secondo loro.

 

 

Noi invece abbiamo deciso di remare in direzione opposta.

Abbiamo capito che cosa volevano davvero le persone che si rivolgevano alle agenzie, e iniziato a curare proprio quest’ aspetto: il servizio.

Inizialmente abbiamo provato a offrire un servizio ottimo e prodotti mediamente buoni.

In seguito abbiamo capito che le due cose, prodotto e servizio, dovevano andare di pari passo. Così abbiamo iniziato a selezionare anche i prodotti.

E così, migliorando continuamente siamo arrivati a quello che facciamo oggi: aiutiamo le famiglie ad affrontare un momento complesso come quello del funerale senza intoppi e senza provare quella sensazione di disagio e amarezza che sicuramente provano coloro che si affidano alle agenzie funebri di basso livello.

La nostra missione, lo ripeto, è di porci come sostegno nei confronti delle famiglie per offrire loro il meglio e non di lucrare sopra le tragedie.

Ed è sempre per questo motivo che abbiamo anche deciso di regalare la “Guida per le Adempienze dopo il Decesso” che ti permetterà di agevolare e sbrigare in modo meno pesante possibile tutte le pratiche burocratiche che sono da affrontare dopo il funerale.

Guida alle Adempienze Burocratiche Post Decesso

 

P.S. Questa è piuttosto in breve, la nostra storia e del perché oggi siamo arrivati a offrire servizi funebri eccellenti.

Noi riteniamo che il disagio che può causare un servizio mediocre è troppo grande e troppo pesante da affrontare per le famiglie.

Con noi questo tipo di disagi non avvengono mai.