Browsing Tag

come scegliere giusta agenzia funebre

    Antitruffa

    Pericolose commistioni tra Pubblico e Privato: le situazioni scandalose che devi assolutamente evitare

    pubblico-o-privato

    Pericolose commistioni nel settore funebre: perché devi evitare servizi pubblici gestiti da privati e aziende pubbliche che vogliono far concorrenza alle onoranze funebri private.

    Ho letto per caso un articolo che mi ha fatto davvero RABBRIVIDIRE, di cui ti riporto una parte saliente:

    (Da: https://www.quotidiano.net/cronaca/tempio-crematorio-biella-1.4261020)

    “Biella, 26 ottobre 2018 – ‘Resti umani messi in scatoloni e gettati nell’immondizia a due passi dal forno crematorio’.

    Biella è sotto choc dopo che i carabinieri del nucleo di polizia giudiziaria hanno posto sotto sequestro il Tempio crematorio. Il blitz all’alba di questa mattina; due le persone arrestate: Alessandro Ravetti, amministratore delegato della Socrebi, la società che ha costruito l’impianto ottenendone in cambio la gestione per 27 anni, e un suo dipendente, Claudio Feletti, 56enne di Ponderano (Biella).

    Il blitz dei militari dell’Arma, al cimitero particolarmente affollato in prossimità della ricorrenza del giorno dei Morti, arriva al termine di una complessa attività di indagine, coordinata dal procuratore Teresa Angela Camelio, per presunte irregolarità nelle cremazioni.

    L’inchiesta è stata condotta nel massimo riserbo, proprio per la delicatezza dell’argomento e per le numerose, e ignare, famiglie coinvolte. Le indagini sono scattate sul sospetto di gravi violazioni su come vengono trattati i corpi, prima e dopo le cremazioni. Ed è grazie anche all’ausilio di telecamere nascoste che sarebbero stati trovati resti umani abbandonati in scatoloni. L’attività del crematorio è stata subito bloccata, così come una decina di funerali, che erano in programma questa mattina. 

    LA SOCREBI – Il tempio crematorio si trova all’interno del cimitero di Biella ed è gestito dalla Socrebi, società dell’impresa di pompe funebri Ravetti. È stata quest’ultima, attraverso un project financing, a costruire struttura ed impianto, del valore di circa due milioni di euro, in cambio della gestione per 27 anni. Pochi giorni fa il Consiglio comunale ha bloccato e rimandato in commissione una delibera relativa alla costruzione di un secondo forno.”

    Sono a dir poco sconcertato.

    Ma (purtroppo) non sono stupito.

    Lo sai perché?

    Perché dare in affidamento un forno crematorio ad un impresario funebre è una cavolata che non va fatta.

    Perché la maggior parte degli impresari funebri sono persone “col pelo sullo stomaco” che 50 o 100 anni fa ha cominciato a fare un lavoro che NESSUNO voleva fare, tranne personaggi senza scrupoli.

    E visto che nessuno voleva fare questo mestiere era difficile trovare operai da assumere.

    Accettavano di fare questo mestiere solo i disperati e i senza scrupoli, che magari vedevano il loro datore di lavoro arricchirsi approfittandosene del dolore della gente e dopo un po’ si mettevano in proprio e si arricchivano anche loro imbrogliando le persone in un momento di debolezza.

    Si, te lo racconto io che faccio esattamente lo stesso lavoro. Per questo so di cosa parlo.

    Continue Reading