Browsing Tag

business agenzia funebre

    Antitruffa

    Ditte diverse, prezzi diversi, stesso servizio, com’è possibile?

    prezzi

    Ditte diverse, prezzi diversi, stesso servizio, com’è possibile?

    A Roma ci sono mediamente 28000 funerali all’anno e ci sono circa 600 agenzie di onoranze funebri.

    Facendo una semplice divisione, la media per agenzia è di 46 servizi all’anno.

    Contando che alcune ditte organizzano anche diverse centinaia di funerali, è evidente che esistono moltissime aziende che ne organizzano anche meno dei 46 della media.

    Come possono sopravvivere queste realtà con numeri così esigui?

    Funziona così: con numeri così piccoli, quelle che non si possono permettere né dipendenti né autofunebri decenti, si appoggiano a centri servizi che forniscono il servizio completo, fornendo anche la cassa, i fiori, i manifesti ecc…

    In altre parole, più aziende rivendono lo stesso “pacchetto”.

    Quello che trovo assurdo è che in alcune città anche le aziende più grandi si appoggiano a questi centri servizi!

    Ecco quello che voglio dire.

     

    Ci sono aziende che svolgono centinaia di servizi non hanno mezzi e dipendenti propri e invece di distinguersi e differenziarsi, si presentano con lo stesso servizio delle aziende più piccole.

     

    A Roma ad esempio pochissime imprese hanno mezzi e personale di proprietà e quasi tutte si appoggiano ad uno dei tre grossi centri servizi che svolgono la maggioranza dei funerali in città.

    Da un lato basta avere un telefono e chiunque può fare l’impresario funebre, rivendendo i pacchetti del centro servizi.

    Questo genera un continuo proliferare di nuovi impresari, che per accaparrarsi i funerali sono disposti a tutto.

    Anche a discapito dei dolenti, che vengono disturbati, fermati negli ospedali, indirizzati da infermieri corrotti e a discapito delle imprese che lavorano in modo serio.

    Le conseguenze sono ovviamente che viene fatta di tutta l’erba un fascio, e la gente che ne ha bisogno smette di fidarsi di chi lavora nel settore dei servizi funebri.

    Dall’altro lato non mi spiego che vantaggio può avere una grossa azienda, che potrebbe distinguersi e specializzarsi, nell’offrire lo stesso identico servizio di tutti gli altri.

    Se tu ti affidi all’impresa A, il servizio verrà svolto dal centro servizi X a un prezzo alto.

    MA se tu vai dall’impresa B, il servizio verrà ancora svolto dal medesimo centro servizi X, questa volta magari a un prezzo più basso.

    Assurdo, vero?

    Se la tua esigenza è di contenere i costi, ti faranno scegliere dal catalogo del centro servizi X una cassa economica e pochi fiori.

    Se vuoi invece offrire ad un tuo caro un ultimo saluto di alto livello ti daranno una cassa costosa e tanti fiori, ma comunque il servizio verrà svolto dal centro servizi X, con lo stesso personale, gli stessi mezzi e la stessa organizzazione del funerale poco costoso.

    Sì, perché visto che ci sono tanti impresari che rivendono lo stesso servizio, l’unica cosa che possono variare è il prezzo, quindi ognuno propone alle famiglie lo stesso pacchetto a ribasso.

     

    Costi contenuti = più margine per sé stessi

     

    Quindi, gli impresari stessi chiedono al centro servizi di contenere il più possibile i costi, per avere più margine per se stessi.

    Per questo i centri servizi devono badare ai numeri e lavorare più sulla quantità che sulla qualità, più sul contenimento dei costi che sulla cura dei dettagli e sul miglioramento del servizio.

    Inoltre hanno decine e decine di dipendenti che corrono dalla mattina alla sera a fare servizi per le varie imprese e su cui è difficile avere controllo.

    Non lavorano per un’ impresa con un progetto che li ispiri, ma per un grosso centro servizi mercenario che serve tutti indistintamente, e per cui la cosa più importante è spendere poco.

    Di conseguenza spesso sono sottopagati, male attrezzati, demotivati, disorganizzati.

    Ora dipende dalle tue esigenze:

    se per te è importante spendere poco ed ottenere un prezzo basso, basta che vai di agenzia in agenzia e ogni volta ti fai abbassare il preventivo dell’agenzia precedente, tanto ognuno vende lo stesso pacchetto e questi impresari sono così affamati che pur di portare a casa un servizio sono disposti a sbranarsi uno con l’altro.

    Ovviamente il servizio sarà quel che sarà.

    Se invece ci tieni a queste cose:

     

    • che un tuo caro abbia la massima cura e il massimo rispetto;
    • che l’impresa a cui ti affidi curi ogni minimo dettaglio;
    • si occupi di tutto quanto lasciandoti solo le incombenze che non puoi delegare;
    • ti dia tranquillità e garanzie;
    • sia ben organizzata;
    • si comporti in modo etico e professionale;

    Allora è meglio che ti informi bene su chi ti affidi.

    Purtroppo nessuno ti svela questi retroscena e se hai fatto la scelta giusta o no lo scopri sempre quando è troppo tardi.

    Se non sarai soddisfatto del funerale che hai organizzato per un tuo caro purtroppo non lo potrai rifare.

    Chi si affida a noi sa che non avrà il rimpianto di non aver fatto abbastanza, sa che è l’ultimo dono che può fare ad una persona cara e vuole che sia perfetto.

    Ti dirò di più: per me è motivo d’orgoglio essere scelto per un compito così importante e quindi questa scelta deve essere motivo d’orgoglio anche per chi mi da questo incarico.

    Se invece di fornire il mio personale, che ho formato, addestrato e organizzato appositamente per lavorare in questo modo, chiamo il centro servizi ed offro lo stesso pacchetto “a ribasso” che offrono altre 600 imprese, non posso certo darti garanzie sul loro comportamento e modo di lavorare…

    Quindi, come ti ho già scritto, scegli consapevolmente in base alla tue esigenze, il mio è un servizio che non va bene per tutti, ma solo per chi ci tiene.

    Diffida da chi pretende di fare “tutto per tutti”, non è possibile fare con la stessa struttura servizi economici e servizi di alto livello.

    Se vuoi dirmi cosa ne pensi o vuoi chiedermi qualcosa, scrivimi nei commenti o in privato.

     

    A presto,

     

    Andrea