Antitruffa

Perché un’impresa di onoranze funebri che promette “funerali economici e di prestigio” dice una gran cavolata

Funerali economici e di prestigio

Perché un’impresa di onoranze funebri che promette “funerali economici e di prestigio” dice una gran cavolata.

Mi hanno fatto notare la pubblicità di un’impresa di onoranze funebri in cui oltre alle solite insensatezze “serietà e professionalità” (e ci mancherebbe!!! Sarà il minimo che tu sia serio e professionale, c’era bisogno di scriverlo? Che poi dovrebbero essere gli altri a dire che sei serio e professionale, te lo stai dicendo da solo? Avrai notato che tutti lo dicono, peccato che poi non tutti lo siano davvero) hanno scritto “funerali economici e di prestigio”.

Lo scopo di questo articolo non è sputtanare una determinata impresa, è farti capire che CHIUNQUE scrive una cosa del genere sta dicendo una cavolata.

Fortunatamente l’esigenza di dover organizzare un funerale capita poche volte nella vita di una persona e quindi non essendo un’esperienza quotidiana per nessuno è difficile avere dei parametri e fare dei paragoni.

Per questo adesso ti farò un esempio preso da un ambiente con cui sicuramente hai più dimestichezza per farti capire che non può esistere qualcuno nello stesso ambiente, con la stessa struttura e con lo stesso personale che possa erogare servizi di lusso o di prestigio e servizi economici allo stesso tempo.

Seguimi in questo ragionamento:

ristorante economico = trattoria a menù fisso per camionisti

ristorante di prestigio = cucina gourmet con chef stellato

Prova a pensare se un ristorante, lo STESSO ristorante, facesse

“tavola calda menù fisso 13 euro” e  “Menù degustazione 3 Stelle Michelin da 350 euro”.

Cioè, se nello stesso ambiente, con lo stesso arredamento, le stesse posate, gli stessi camerieri, lo stesso servizio, lo stesso chef, la stessa cucina, secondo te è possibile servire pasta al pomodoro a 6 euro, e “astice profumato al rosmarino con schiacciata di patate di montagna e salsa all’arancio di Parizzi” a 150€ ?

Io credo che per poter anche solo pensare di proporre l’astice profumato al rosmarino con schiacciata di patate di montagna e salsa all’arancio di Parizzi a 150 euro, il locale, l’ambiente, il personale, le tovaglie, insomma, TUTTO, dovrà essere di altissimo livello, o no?

Quindi se uno scrive “menù economico e di prestigio”, posso anche concepire che le portate possano essere così distanti fra loro in termini di costo, di qualità degli ingredienti e difficoltà di preparazione, ma tutto il resto come sarà?

Il cameriere sarà stato formato nelle migliori scuole e avrà fatto esperienza nei migliori ristoranti e sarà vestito con una divisa costosa, oppure sarà un ragazzo normale in pantaloni neri e camicia bianca che è lì solo per arrotondare?

L’arredamento sarà stato progettato e realizzato da un rinomato architetto usando mobili di alto livello o il locale sarà arredato con i mobili IKEA?

Ora, sarai d’accordo con me che la stessa struttura non può fare entrambe le cose?

In un ambiente carino e senza troppe pretese puoi pure proporre piatti costosi, ma nessuno li prenderà perché manca il contesto, manca l’esperienza che vuole vivere chi è disposto a spendere cifre importanti per assaggiare queste prelibatezze, che non si limita a ciò che c’è nel piatto.

Sappiamo entrambi che quando si va al ristorante non è importante solo il cibo che ti portano nel piatto, ma anche l’esperienza che il gestore ti farà vivere quella sera, che è formata dalla location, dallo storytelling del locale o delle pietanze, dal servizio, da come ti tratta il cameriere, dalla pulizia dei bagni, ecc

Prova anche a pensare da un punto di vista organizzativo cosa vuol dire offrire cibi così diversi: come fanno?

Fanno due forniture, una dove comprano prodotti scadenti per i primi a 6 euro e una con i prodotti costosi per l’alta cucina?

E hanno due chef, uno per i piatti stellati e uno per la pastasciutta con le acciughe? O pagano profumatamente uno chef di alto livello per fargli fare anche la pasta con le acciughe?

Quello che voglio farti capire è che, anche se ti suonerà strano, le dinamiche dell’impresa funebre sono molto simili a quelle del ristorante.

Nel ristorante stellato deve essere tutto coerente e in linea col tipo di piatti che vengono serviti e con il tipo di clientela a cui ci si rivolge, mentre nel ristorante economico bisogna limitare al massimo i costi ed utilizzare materie prime e attrezzature scadenti per riuscire a proporre prezzi bassi.

Ora, alla luce dei ragionamenti che abbiamo appena fatto, se uno scrive “menù economico e cucina gourmet stellata” nello stesso ristorante, qualche dubbio ti viene, è evidente che c’è qualcosa che non quadra.

Bene, per quanto riguarda i funerali non è molto diverso.

Ci sono troppi conti che non tornano quando uno dichiara di poter fare i funerali economici e anche di prestigio.

Come non puoi essere economico se hai un ristornate di lusso e non puoi essere prestigioso nella trattoria con la tovaglia a quadri, non puoi erogare servizi di prestigio ed economici con la stessa impresa funebre.

Probabilmente nelle loro menti bacate, gli impresari che si promuovono in questo modo pensano che per fare il funerale di lusso basta mettersi la cravatta, NOLEGGIARE una Mercedes (sì, perché non è nemmeno loro di solito e anzi, magari la prendono pure un po’ vecchiotta) e usare una cassa costosa, mentre per fare un funerale economico basta usare una cassa in abete di terza scelta.

Pensano che la differenza sia tutta lì.

Invece la Mercedes e la cravatta sono il minimo sindacale per poter fare un funerale, altrimenti non si può nemmeno definire tale, anche perché noleggiare una Mercedes costa 200 euro e un abito Made in Cina ne costa 70, quindi non sono assolutamente sufficienti per definire tale un servizio “di prestigio”, visto che poi il personale non è formato, non è addestrato, non è sincronizzato, non segue specifiche procedure, gli ambienti non sono accoglienti, i materiali informativi come la nostra “Guida alle Adempienze Burocratiche Post Decesso” (che puoi richiedere gratuitamente QUI) o su come affrontare il lutto non esistono, le firme dei partecipanti alla cerimonia vengono raccolte su 4 fogli graffettati  e non su un libro rilegato, e poi mi fermo qui perché ti annoierei continuando ancora per molto questa lista di differenze.

Libretto Cipriani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Solo se hai ambienti di alto livello, personale in regola addestrato a muoversi in sincronia, divise sartoriali, organizzazione puntuale e precisa che segue procedure provate e riprovate, mezzi e attrezzature di primo livello, allora puoi dire di fare i funerali di prestigio, ma allora non puoi più fare i funerali economici, semplicemente perché i costi non lo permettono.

Oppure questi impresari sono diventati scemi e lavorano in perdita.

Invece hanno ambienti così così, personale poco addestrato e formato (ad esempio, i soliti quattro pensionati reclutati al torneo di briscola), mezzi e attrezzature scadenti, zero cura dei dettagli e nell’organizzazione.

Certamente possono erogare servizi economici, ma non basta usare una cassa di mogano invece che in abete per dire che sono in grado di proporre funerali di prestigio!

Potrei anche pensare di usare un’auto funebre di alto livello come la nostra ammiraglia Jaguar e i portantini in divisa sartoriale per i funerali di prestigio e un’auto di seconda mano e la vecchia attrezzatura che ho dismesso per fare i funerali economici, ma gli ambienti? Le procedure? Le attrezzature? E il materiale informativo?

Quindi, quando vedi queste pubblicità riferite ad un’impresa funebre devi pensare che:

  • l’impresario ha creato davvero un’azienda di alto livello ed è diventato scemo perché lavora sottocosto;
  • l’impresario pensa che prestigio significhi la Mercedes vecchiotta e i portantini in cravatta;
  • l’impresario sta cercando deliberatamente di truffare le persone, visto che nel momento della perdita di un caro sono poco lucide e cascano facilmente nei tanti tranelli che chi lavora in modo disonesto ha architettato nel corso degli anni (nei vari articoli di questo blog te li svelo uno ad uno);

Altri impresari scrivono queste idiozie per ignoranza ed ingenuità, perché pensano che “più cose faccio e più persone attiro”, quando in realtà in questo modo non sono bravi a soddisfare né l’esigenza di chi vuole spendere poco, né tantomeno di chi vuole commemorare un suo caro con una cerimonia di alto livello.

Non si rendono conto di quello che dicono e probabilmente non hanno le idee chiare nemmeno in quello che fanno.

L’impresario furbacchione invece sa che sta dicendo una cosa che non sta né in cielo né in terra, ma sa anche che qualcuno che ci casca lo trova sempre.

D’altronde esistono ancora persone che pagano la cartomante per farsi togliere il malocchio e far andar via la cellulite, persone che mandano soldi all’avvocato africano che sta facendo da tramite ad un perseguitato politico ricco ereditiere che non sa su quale conto appoggiare i propri milioni di dollari, persone che pensano di comprare Rolex originali a poche centinaia di euro e così via.

Purtroppo queste truffe continuano ad esistere e ad essere messe in atto semplicemente perché ci sono persone che ci cascano.

Quindi se vuoi stare tranquillo ed andare sul sicuro mettiti in testa che per la stessa impresa di servizi funebri erogare sia funerali economici che di prestigio non è possibile. Fine.

Non c’è “ma forse magari questo ha trovato un modo per fare entrambi”.

Per fare entrambi devi avere due aziende distinte, con peculiarità, personale, organizzazione, procedure, materiali, attrezzature, arredamento, divise, formazione e tutto quello che ci vuole distinti.

Poi, nell’agenzia funebre specializzata in servizi di alto livello puoi scegliere una cassa in abete da 1000 euro e pochi fiori oppure puoi scegliere una cassa in rovere intagliato a mano da 4400€ e decine di composizioni di rose rosse nella settimana di San Valentino, sapendo però che in entrambi i casi, anche se la differenza di prezzo è notevole, avrai la garanzia di un servizio molto accurato, perfettamente organizzato e gestito da persone preparate ed esperte.

Queste garanzie non puoi di certo aspettartele da chi propone “servizi completi a 1300 euro” (che poi completi non sono, come ho già dimostrato in questo articolo http://ciprianileonoranze.com/2018/06/26/funerali-low-cost-ecco-la-trappola-del-prezzo-che-devi-assolutamente-evitare/), né tanto meno da chi afferma di poter fare funerali economici e anche di prestigio, semplicemente perché la struttura dei costi necessaria a creare servizi di alto livello non permette di erogare anche servizi economici.

E i servizi economici spesso causano problemi molto gravi alle famiglie: bare che cedono, fiori appassiti prima ancora del funerale, problemi organizzativi, personale sbragato e altre cose vergognose che ho già raccontato tante volte in questo blog e che creano grossi dispiaceri ai congiunti, visto che incidono negativamente sulla successiva elaborazione del lutto.

Spero di aver fatto chiarezza ed averti aiutato a capire ancora una volta che devi diffidare da queste pubblicità e dalle imprese che le propongono.

Se vuoi dirmi la tua opinione o chiedermi qualcosa scrivimi nei commenti o in privato a info@ciprianileonoranze.com.

Ti saluto e ti aspetto al prossimo articolo

Andrea

You Might Also Like

No Comments

    Leave a Reply