Cose da sapere

    Un familiare muore distante da casa: come organizzare il funerale?

    come organizzare il funerale

    Diversi mesi fa, ricordo che era un sabato mattina, sono entrati nel mio ufficio due ragazzi.

    Avevano avuto una notizia terribile: la mamma mentre era in vacanza in Sicilia aveva avuto un malore o un ictus o qualche altro tipo di evento molto grave, non ricordo con precisione, ma non è importante.

    La situazione era davvero drammatica: questa signora era andata in vacanza col marito e durante quei giorni che avrebbero dovuto essere di svago era avvenuta questa terribile disgrazia.

    Si trovava in un ospedale a più di 1000 km da casa, in fin di vita.

    I medici non avevano lasciato alcuna speranza: non era più cosciente, non si sarebbe più ripresa e le rimanevano pochi giorni da vivere.

    Da un punto di vista psicologico si trattava davvero di un brutto colpo per il marito e per questi ragazzi.

    Mai avrebbero pensato che questa vacanza si sarebbe trasformata in tragedia.

    In quel periodo non avevo ancora scritto il mio libro sul lutto “Quel che resta è l’amore” (che puoi trovare cliccando su www.restlamore.com) e non avevo ancora cominciato ad organizzare serate con la Dott.ssa Bazzanella, psicoterapeuta esperta in elaborazione del lutto, o con altri professionisti in grado di aiutare le persone che hanno subito la perdita di un caro.

    Anche se in quella fase lavoravo come tutti gli altri impresari funebri, cioè “io mi occupo di organizzare il funerale, tutto il resto non è un problema mio”, ricordo che mi sentivo in difetto a non interessarmi al dolore delle famiglie che incontravo e a non essere loro d’aiuto nel lungo periodo di dolore successivo alla perdita di un caro.

    Per fortuna nel corso del tempo ho rimediato, ho seguito il mio cuore e ho cominciato a studiare e a fornire elementi utili da questo punto di vista: la Scatola del Buon Viaggio, collaborazioni con professionisti esperti di lutto, serate con loro, produzione di articoli del blog www.restalamore.it, il DVD, il libro…

    Ma torniamo alla situazione dei ragazzi: il meglio che potevo fare in quel momento era mettere a disposizione la mia esperienza e fornire la mia consulenza a questa famiglia.

    Mi hanno spiegato le loro esigenze, ad esempio avrebbero voluto, quando sarebbe venuta a mancare, mettere la mamma in loculo in un cimitero in una frazione di Rovigo in cui non c’erano loculi disponibili, quindi bisognava considerare delle alternative.

    Mi hanno chiesto di avere le informazioni nel modo più chiaro possibile per poterle spiegare al padre, che si trovava in Sicilia ad assistere la moglie ricoverata.

    Ho promesso che, nonostante fosse sabato, mi sarei messo a cercare informazioni e gli avrei fornito le varie soluzioni possibili via mail, in modo che le avessero sempre a portata di smartphone.

    Riporto di seguito il testo della e-mail che ho inviato a loro per due motivi: il primo è per darti un esempio di quali sono le soluzioni in un caso così complesso, considerando i tempi, i costi, i pro e i contro.

    Il secondo motivo è per farti vedere come lavora la mia azienda di solito, dedicando molte energie per raccogliere velocemente le informazioni, studiare le soluzioni e presentarle nel modo più semplice e chiaro possibile, in modo che non ci siano né intoppi né brutte sorprese.

    Ecco quindi la mail con le varie opzioni (ho occultato il nome dei cimiteri per evitare di rendere riconoscibile questa famiglia):

    “Opzione 1: cremazione in Sicilia

    Ho contattato una ditta del posto, per la vestizione, i permessi, la cassa, il trasporto fino a Messina e la cremazione chiedono 3500 euro, contando che solo la cremazione costa 900 euro e hanno 300 km da fare per andare a Messina la cifra mi sembra corretta.

    Poi l’urna la potete portare voi qui in auto o in aereo e qui a Rovigo spendereste:

    85 euro tassa tumulazione urna cineraria;

    70 euro muratore per chiusura celletta;

    243 euro per concessione trentennale celletta (ad oggi questa cifra è stata aumentata dal comune a 316,8);

    64 euro per marche da bollo concessione celletta;

    36 euro per richiesta scrittura lapide;

    Dai 250 ai 500 euro per la lapide: fotoceramica, scritte, vasetto per fiori, eventuale lumino o immagini;

    150/200 euro per l’assistenza di una nostra persona per eventuale cerimonia con urna a Rovigo;

    Quindi oltre ai 3500 altri 1000/1200 euro

    Rimangono esclusi: fiori (copricassa 200 euro) epigrafi (per 8 siamo a 150 tra tassa, stampa e affissione) ricordini fotografici (50 euro per 20 pezzi)

    Pro:

    • è la soluzione più economica
    • Le ceneri verranno conservate nel cimitero di XXX, che voi preferireste ma che non ha loculi disponibili

    Contro:

    • Siamo completamente nelle mani di un’azienda siciliana che mi sembra affidabile ma di cui è difficile da qui valutare gli standard
    • È a vostro carico il trasporto delle ceneri

    Eventualmente posso mandare un mio collaboratore in Sicilia a verificare che tutto venga svolto nel rispetto delle regole e della dignità di vostra mamma. Calcolate che a me oltre al viaggio, al vitto e all’alloggio, un dipendente costa 150 euro al giorno, quindi a spanne tra volo a/r, un’auto a noleggio, un paio di notti in B&B, pranzi e cene saremo sui 7/800 euro di spese vive, senza rincarare nulla a livello di guadagno per la mia azienda.

    Opzione 2: viaggio in aereo

    La ditta in Sicilia per vestizione, documenti, cassa e trasporto fino a Catania mi chiede 2500 euro e la cifra mi sembra adeguata

    Sul prezzo del volo non riesco a parlare con nessuno al momento in aeroporto, andando a memoria dovrebbe essere tra i 700 e i 1000 euro in base al peso (viene pesata al momento della consegna in aeroporto)

    Per ritirare la salma a Bologna o Verona o Venezia con l’autofunebre e svolgere la cerimonia qui a Rovigo il prezzo è di 1200 euro (4 persone in divisa sartoriale, furgone per trasporto fiori, tavolino firme, prenotazione cimitero, ecc)

    Poi occorrono:

    2145 euro per la concessione trentennale loculo (in cimitero a YYY in prima, seconda o terza fila, a XXX, dove voi vorreste, non ci sono loculi disponibili)

    242 euro per la tassa di tumulazione;

    152 euro per il diritto trasporto salma entro comune;

    36 euro per la richiesta di scrittura lapide;

    140 euro muratore per chiusura loculo;

    64 euro di marche da bollo;

    Lapide dagli 800 euro completa di vaso, lume, scritte, fotoceramica e immagine sacra;

    In totale sono circa 8300 euro

    Rimangono esclusi: fiori (copricassa 200 euro) epigrafi (per 8 siamo a 150 tra tassa, stampa e affissione) ricordini fotografici (50 euro per 20 pezzi)

    Pro:

    • evitereste il viaggio in macchina
    • faremmo la Messa a Rovigo con la cassa e non con l’urna

    Contro:

    • Siamo completamente nelle mani di un’azienda siciliana, che mi sembra affidabile ma di cui è difficile da qui valutare gli standard
    • Il costo è abbastanza elevato
    • Andrebbe in cimitero a YYY e non a XXX come voi vorreste

    Per l’assistenza in Sicilia di un mio collaboratore vale come sopra

    Opzione 3: viaggio in macchina e cremazione a Copparo

    L’azienda in Sicilia fa la vestizione e ci prepara i documenti: circa 700 euro (comprese, tasse, marche ecc)

    Io parto da qui con una cassa del costo di 1000 euro (ovviamente ce e sono che costano di più o che costano di meno) con dispositivo “barriera” (cioè senza zinco ma comunque adatta a lunghi viaggi)

    Viaggio con la mia autofunebre andata e ritorno (posso trasportare anche 2 di voi): 3000 euro

    Facciamo la cerimonia qui a Rovigo: 500 euro (4 portantini, furgone per i fiori, registro firme, ecc)

    Proseguiamo per il crematorio di Copparo: 700 euro (compreso cremazione e ritiro delle ceneri)

    Poi servono:

    85 euro per la tassa di tumulazione urna cineraria;

    70 euro muratore per chiusura celletta;

    243 euro per la concessione trentennale celletta;

    64 euro di marche da bollo;

    36 euro per la richiesta scrittura lapide;

    Dai 250 ai 500 euro pe la lapide: fotoceramica, scritte, vasetto per fiori, eventuale lumino o immagini

    Quindi altri 800/1000 euro

    Totale: circa 7000 euro

    Rimangono esclusi: fiori (copricassa 200 euro) epigrafi (per 8 siamo a 150 tra tassa, stampa e affissione) ricordini fotografici (50 euro per 20 pezzi)

    Pro:

    • Gestirei personalmente le fasi più delicate, senza dovermi fidare di aziende di cui è difficile misurare la professionalità
    • 2 di voi possono viaggiare con noi
    • Possiamo organizzare autonomamente gli orari di partenza e arrivo
    • Non dovete occuparvi quasi di nulla
    • Avreste vostra mamma in cimitero a XXX, che è la vostra preferenza

    Contro:

    per quanto ho capito mi sembra la soluzione che meglio interpreta le vostre esigenze, non è la più economica ma per quanto riguarda la mia esperienza non è una cifra così alta.

    Opzione 4: viaggio con autofunebre e tumulazione in loculo in cimitero

    Cassa: 1300 euro;

    Vestizione documenti: 700 euro;

    Viaggio: 3000 euro;

    Cerimonia a Rovigo: 500 euro;

    Poi ci vogliono:

    2145 euro per concessione trentennale loculo (a YYY in prima, seconda o terza fila);

    242 euro per tassa di tumulazione;

    152 euro per diritto al trasporto salma entro comune;

    36 euro per richiesta scrittura lapide;

    140 euro per chiusura loculo;

    64 euro per marche da bollo;

    Lapide dagli 800 euro completa di vaso, lume, scritte, fotoceramica e immagine sacra

    Totale circa 9000 euro

    Rimangono esclusi: fiori (copricassa 200 euro) epigrafi (per 8 siamo a 150 tra tassa, stampa e affissione) ricordini fotografici (50 euro per 20 pezzi)

    Pro:

    • Gestirei personalmente le fasi più delicate, senza dovermi fidare di aziende di cui è difficile misurare la professionalità
    • 2 di voi possono viaggiare con noi
    • Possiamo organizzare autonomamente gli orari di partenza e arrivo
    • Non dovete occuparvi quasi di nulla

    Contro:

    • La mamma verrebbe tumulata nel cimitero di YYY, che non è il vostro preferito
    • È la soluzione più costosa

    Le cifre sono abbastanza attendibili ma comunque possono esserci variazioni (costo dell’aereo, quantità di fiori ed epigrafi, lungaggini che possono rendere più lunga e costosa la trasferta del personale).

    In ogni caso ho fatto e farò del mio meglio per venirvi incontro e per rispettare queste cifre, ogni eventuale variazione verrà comunque comunicata e concordata di volta in volta con voi.

    Dispiaciuto per la vostra situazione, vi porgo i miei saluti

    “Andrea”

     

    (Se quando hai visto “viaggio in autofunebre 3000 euro” hai considerato adeguata questa cifra non serve che leggi quanto segue, se invece la ritieni alta, permettimi di giustificarla:

    la tariffa chilometrica sulla tabella ACI per la Jaguar XJ 3.0 V6 è di 1,24 euro al km, che considera consumo del carburante e usura della macchina.

    Questa cifra andrebbe aumentata, visto che la mia non è una “normale” Jaguar XJ, il suo valore commerciale è doppio vista la trasformazione in autofunebre, il peso è maggiore e l’aerodinamica minore, quindi usura e consumo di carburante incidono maggiormente rispetto a quanto calcolato dall’ACI per la normale XJ.

    I noleggiatori di autofunebri di solito applicano 1,8 euro al km e il viaggio in questione era di oltre 2800 km tra andata e ritorno.

    A questa cifra vanno aggiunti l’autostrada e il traghetto.

    Applicando le tariffe dei noleggiatori saremmo già oltre i 5000 euro, a cui andrebbero aggiunti gli straordinari dei due autisti, il loro vitto e alloggio.

    Quindi 3000 euro possono sembrare tanti ma sono un prezzo di assoluto favore).

    Ti starai chiedendo: alla fine, quale opzione hanno scelto?

    Beh, in realtà nessuna fra queste, infatti oltre a queste ci sono altre opzioni possibili, ci sono stati dei cambiamenti nei giorni successivi, ma non è importante.

    L’importante è che dopo pochi giorni la mamma è venuta a mancare e hanno scelto di affidarsi alla mia impresa, non tanto per i prezzi (non ho idea se quelli proposti dalle altre imprese fossero più alti o più bassi), ma, mi hanno riferito i ragazzi, per come mi sono messo a loro disposizione, per come ho preso a cuore la loro situazione, per come ho chiarito ogni aspetto nel modo più preciso possibile, per come io e i miei colleghi li abbiamo fatti sentire in mani sicure.

    La loro condizione era già molto difficile, per questo hanno preferito scegliere chi ha dimostrato di prendere maggiormente a cuore la loro situazione e si è dato da fare per offrire soluzioni concrete per riportare la loro mamma a casa nel modo meno traumatico possibile.

    Se stavi cercando di capire come si può organizzare il trasporto di una salma fra due luoghi molto distanti spero che questo articolo ti abbia fornito qualche esempio utile.

    Considera però che ogni caso è a sé e ogni volta va valutato singolarmente, quindi se vuoi chiedermi qualcosa al riguardo puoi scrivere qui sotto nei commenti oppure via mail a info@ciprianileonoranze.com.

    Se invece vuoi capire cosa bisogna fare per sistemare tutte le questioni burocratiche successive alla perdita di un congiunto, ho preparato una guida che doniamo a tutte le famiglie che ci scelgono per organizzare le esequie di un loro caro.

    Produrne qualche copia in più per fornirla a chi me la richiede non mi costa nulla, per questo la puoi trovare gratuitamente cliccando QUI  

    Al prossimo articolo

    Andrea

     

     

  • scandalo pompe funebri Bologna
    Antitruffa

    L’illegalità del sistema dei centri servizi.

    Quali implicazioni coinvolgono moltissime imprese funebri dopo il maxi sequestro di Bologna? L’illegalità del sistema dei centri servizi. Il sistema dei centri servizi dovrebbe essere completamente riformato e adesso ti spiego…

CHIAMA ORA